ALBO D’ORO STORICO DELLA CIVILTA’ MEDICEA

***

Serie storica dei Casati  insigniti di un titolo onorifico

Nobiliare, Gentilizio, di Cortesia

o di Distintà Civiltà

concesso  da un Granduca Mediceo  di Toscana

a partire dall’A.D 1532 fino al presente tempo.

 

con l’aggiunta dei nominativi degli “Uniati Medicei” che hanno richiesto per se

l’Unione alla Corona Granducale.

_________________________________________________________________________

A, B , C , D, E, F, G, H, I, J, K, L, M, N, O, P, Q, R, S, T, U, V, W, X, Y, Z.

__________________________________________________________________________

Contenuti

Sono inserito nell’Albo d’Oro coloro i quali possiedono uno dei seguenti titoli onorifici concessi da S.A.S il Granduca Ottaviano de’Medici di Toscana di Ottajano.

  • Titolo di unione alla Corona             (Ceto degli Uniati)
  • Titolo onorifico di Distinta Civiltà  (Ceto Generoso)
  • Titolo onorifico di Cortesia              (Ceto Cortese)
  • Titolo onorifico Gentilizio               (Ceto Gentilizio)
  • Titolo onorifico Nobiliare                (Ceto Nobiliare)
  • Titolo onorifico Patrizio                   (Ceto Patrizio)

Sono inoltre inseriti i nominativi di tutti i membri storici della Civiltà medicea che fra il 1532 ed il luglio 1737 furono inisgniti da un Granduca di Toscana  di uno o più dei seguenti titoli onorifici:

  • Cavaliere dell’Ordine di S.Stefano
  • Senatore del Senato dei 48 della Città di Firenze
  • Consigliere dei 200 della Città di Firenze
  • Titolo nobiliare di cittadinanza
  • Titolo nobiliare feudale concesso, confermato oppure rinnovato

Candidatura UNESCO  per l’Albo d’Oro

L’Ordine Civico Mediceo sta svolgendo le pratiche presso il Ministero dei Beni Culturali e presso la commissione Italiana per l’UNESCO, affinchè  la voce “Albo d’Oro del Popolo Granducale Mediceo Generoso” venga inserita dapprima nell’inventario Ministeriale Italiano dei beni culturali immateriali e poi anche nella Lista rappresentativa UNESCO del patrimonio culturale immateriale prevista dalla convenzione UNESCO 2003 per la protezione del patrimonio culturale immateriale.

Le attività di studio, ricerca e redazione dell’Albo d’Oro del Popolo Granducale Mediceo,  fa parte infatti delle “attività culturali e sociali per la tutela e la valorizzazione della storia autentica della Dinastia Medicea di Toscana, nonché delle tradizioni culturali, sociali e politiche ad essa correlate”, per le quali il Consiglio Regionale della Toscana si è impegnato, con apposita mozione, a sostenerne  la richiesta di candidatura presso la lista rappresentativa UNESCO 2003 presentata da sua Altezza Serenissima il Principe Ottaviano de’Medici di Toscana di Ottajano.

BIBLIOGRAFIA

* Fonti storiche utilizzate: 1) Istituzione dei Cavalieri di Santo Stefano, Marcella Aglietti, “LE TRE NOBILITA'”- Edizioni ETS, Pisa 2000); 2)Ordine Civico Mediceo, Archivio della Deputazione Medicea sopra la Nobiltà; 3) Archivio di Stato di Firenze, fondo deputazione sopra la Nobiltà e Cittadinanza; 4) Roberto Ciabani, LE FAMIGLIE DI FIRENZE-Casa editrice Bonechi, Firenze 1992; 5) Archivio di Stato di Firenze, i blasoni della famiglie toscane nella collezione Ceramelli Papiani.

Elenco delle tradizioni culturali e sociali delle famiglie Nobili e Gentilizie

Per tradizioni sociali e culturali della famiglie Nobili e Gentilizie facenti parte del Popolo Granducale Mediceo, si intende  l’esercizio costante di tutte o alcune delle attività riportate nell’elenco contenuto nel link soprastante.