Linea di successione della Casa Granducale di Toscana

Il Gran Principe di Toscana

Erede designato al titolo Granducale di Toscana è il Gran Principe di Toscana Lorenzo Ottaviano, nato a Firenze il 27 Settembre 2009, figlio terzogenito di S.A.S. il Granduca di Toscana titolare Ottaviano de’Medici.

Il Gran Principe Lorenzo vive a Firenze con Sua Altezza il Granduca ed è attualmente studente meritevole di una scuola secondaria di primo grado di Firenze.

Il Gran Principe Lorenzo è studente di musica, cultore di studi storici e scientifici ed esperto di tecnologia informatica

Con decreto Granducale di rinnovamento sono stati avocati a se da S.A.S. il Granduca di Toscana titolare tutti i titoli nobiliari già appartenenti al Casato dei Medici di Ottajano, ovvero quelli di Principe di Ottajano e di Duca di Sarno. Parimenti, per eredità dalla Casa Carmignano, sono stati avocati a se da S.A.S. il Granduca anche il titoli di Principe di Massafra, Marchese di Acquaviva e di Fornelli

Membri della Storica famiglia Medicea dei Principi di Ottajano, non appartenenti alla attuale Casa Granducale di Toscana

Per effetto delle leggi Dinastiche familiari i membri della Casa Medicea di Ottajano non residenti a Firenze, ovvero Donna Francesca, Donna Costanza e Don Paolo rispettivamente Madre, Sorella e Fratello di S.A.S. il Granduca Ottaviano, cosi come gli altri due figli di S.A.S il Granduca Ottaviano, Don Cosimo Maria e Don Guglielmo Ottaviano, nati e residenti a Milano rispettivamente il 3 Giugno 1991 e il 2 Giugno 1992, poiché non risiedono e non sono mai risieduti a Firenze non possono far parte della attuale Casa Granducale di Toscana.

Tutti i suddetti membri della Casa Medicea di Ottajano portano solo i titoli nobiliari di Patrizio Napoletano e Patrizio di Benevento e sono esclusi  dalla successione dinastica Granducale di Toscana. Per decreto di S.A.S. il Granduca Ottaviano essi sono inoltre esclusi dalla titolatura di Nobile dei Principi di Ottajano e dei Duchi di Sarno.

Imitatori OMONIMI 

Per dichiarazione espressa di S.A.S il Granduca Ottaviano, sono esistiti in passato ed esistono tuttora  molti imitatori omonimi della storica Dinastia Medicea, i quali tentano o hanno tentato in vario modo di dimostrare la propria appartenenza alla storica famiglia Medicea, senza tuttavia provare o aver provato alcun attacco genealogico ad essa scientificamente attendibile, oppure alcun riferimento dinastico giuridicamente valido; fra essi in particolare Giovan Battista (defunto) e di lui figli Giuliano, Lorenzo, Alessandro residenti a Napoli e sedicenti principi di Ottajano, i quali non hanno mai provato con documentazione sufficiente a S.A.S. il Granduca Ottaviano la propria appartenenza al casato dei Principi di Ottajano.  Peraltro nella memoria storica dei membri della famiglia dei Medici di Ottajano, nonchè fra i documenti ufficiali depositati alla Consulta Araldica presso l’Archivio centrale dello Stato,è sconosciuto il nome di Armando de’Medici di Alberto Marino, Avo paterno dell’attuale sedicente Principe Giuliano de’Medici. Non a caso infatti il titolo di Principe di Ottajano e altri non passarono ad Alberto Marino di Luigi, come erroneamente citato in alcune fonti genealogiche, ma bensì passarono con  rr.ll.pp. ass. 20.9.1912. d.m. 6. 11.1912 a Maria di Michele de’Medici di Ottajano, sorella dell’Ultimo Principe Giuseppe di Michele morto senza eredi maschi che potessero ereditare tali titoli.

A riprova particolare nell’Almanacco Nobiliare Napoletano dell’anno 1910, è scritto chiaramente che Alberto Marino de’Medici di Ottajano e Concetta la Fata, i presunti genitori di Armando che il sedicente principe Giuliano dichiara oggi essere i suoi Bisnonni, si sposarono nel 1880 e non ebbero discendenza.

Esistono inoltre altri imitatori omonimi fra cui un sedicente principe  Lorenzo de’Medici  residente in USA, un altro sedicente Principe Lorenzo de’Medici  residente in Spagna, oltre a numerosi altri personaggi di vario nome che hanno pubblicato on line i propri profili personali accompagnati da vari riferimenti allusivi alla loro presunta appartenenza all’attuale Casa Granducale Medicea, oppure ad altri rami della famiglia Medicea. Detti imitatori non appartengono in alcun modo alla storica Casa Granducale di Toscana. Caso particolare è quello di un Lorenzo (Biondi) Medici Tornaquinci,  la cui zia  materna era membro del casato Medici Tornaquinci ed ha adottato il Padre di detto Lorenzo e quindi ha aggiunto al cognome Biondi quello di Medici Tornaquinci; Lorenzo riferisce se stesso in maniera autoreferenziale alla famiglia Medici di Toscana e mai a quella paterna dei Biondi.

Imitatori NON OMONIMI  

Vi sono poi decine di personaggi di svariati cognomi che a vario titolo e  in modo del tutto autoreferenziale affermano di essere parenti della storica Casa Medicea di Toscana; occorre quindi osservare la massima cautela quando si ricevono contatti da queste persone, perché potrebbero non essere bene intenzionate.