Governo Umanistico

La Corona Granducale Medicea di Toscana, con il supporto delle Magistrature Granducali e dei relativi comitati tecnici magistrali, promulga leggi umanistiche globali per la tutela del Popolo Granducale Mediceo contro i grandi rischi dell’Era moderna.

Le leggi umanistiche Granducali  sono rivolte direttamente ai membri del Popolo Granducale Mediceo, ovunque nel mondo essi si trovino, e  sono formate da modelli, direttive e linee guida in campo culturale, sociale, accademico, tecnico, scientifico,  economico o amministrativo.

Dette leggi sono realizzate da Sua Altezza il Granduca titolare di Toscana e per S.A. dalle Magistrature Medicee, dall’Antico Consiglio Mediceo dei Dugento, dall’Antico Senato fiorentino dei quarantotto, oppure dai Consigli Nobili delle Città Ducali metropolitane o delle Comunità locali.

Le Leggi umanistiche granducali sono sempre formate  seguendo le regole del Nuovo Umanesimo filosofico, giuridico ed economico mediceo e sono finalizzate a contrastare e/o prevenire gli effetti negativi sulla salute e sul benessere del Popolo Granducale Mediceo conseguenti a:

  1. la grave restrizione demografica in atto in Italia e nel resto nei paesi del continente Europeo;
  2. le possibili crisi energetiche successive al cosiddetto “picco del petrolio”;
  3. la globalizzazione incontrollata dei mercati che sta provocando in Europa e nel Mondo una diminuzione del benessere economico dei ceti medi e la loro conseguente decadenza;
  4. la globalizzazione dei costumi e la conseguente perdita dell’ identità nazionale, della memoria e  della tradizione locale;
  5. l’espansione incontrollata di Epidemie dovuta alla globalizzazione degli scambi e dei trasporti;
  6. il sovraffollamento del nostro pianeta e la conseguente scarsità di risorse alimentari, idriche ed energetiche necessarie alla vita civile, o alla sopravvivenza.
  7. l’inquinamento ambientale e la profonda alterazione climatica del pianeta operata dall’uomo.
  8. L’alterazione degli assetti naturali e ambientali e la conseguente perdita delle biodiversità;
  9. la manipolazione incontrollata  di elementi naturali e biologici.
  10. la creazione di potenti ordigni bellici in grado di distruggere interi popoli.